Il galateo della sauna finlandese

Luogo sacro e multifunzionale, la sauna è un elemento imprescindibile della cultura finlandese ed è impossibile non imbattercisi visitando la Finlandia. Ecco qua un piccolo aiuto per sovravvivere alla sauna finlandese, non fare figuracce e soprattutto affrontarla con lo spirito giusto.

  • Fatti una doccia prima di entrare in sauna e, soprattutto, lavati i piedi!
  • Ricordati di chiudere bene la porta della sauna, non vorrai che il calore si disperda.
  • In sauna si va nudi. Di solito in famiglia e tra amici intimi si va in sauna insieme, maschi e femmine, ma è anche possibile fare dei turni, ad es. il turno degli uomini e quello delle donne. Nei luoghi pubblici trovate spesso saune separate in base al sesso ma, se miste, si usa il costume.
  • Non guardare le parti intime degli altri. La nudità non crea particolari problemi ai finlandesi. La sauna è un posto in cui depurarsi, scaldarsi, riflettere e riposarsi, non c’è nulla di erotico.
  • Niente ciabatte né costume ma sì al cappello di lana. Pare che protegga testa e orecchie dal calore e faccia sì che la temperatura corporea rimanga costante durante la sauna. Usanza probabilmente giunta in Finlandia dalla vicina Russia.
  • Portati dietro un asciugamano su cui sederti, non vorrai lasciare il segno delle tue natiche sulle panche della sauna! A nessuno piace sedersi sul sudore degli altri, senza contare il discorso igiene… Ricordati di riprendere l’asciugameno quando esci.
  • Rispetta i turni (se ce ne sono).
  • Anche i bimbi vanno in sauna. Per i finlandesi la sauna è un vero toccasana, il luogo in cui in passato si curavano i mali fisici e spirituali. I bimbi vanno in sauna così come gli adulti e ne imparano fin da piccoli la filosofia e il buon utilizzo.
  • Non fare a gara. La sauna è un posto spirituale e va affrontato con tranquillità e rilassatezza. Ricordati: non devi dimostrare nulla a nessuno quindi se senti che per te è arrivato il momento di uscire, esci. Se soffri particolarmente il caldo siediti in basso (il calore tende a salire) ed evita l’angolo opposto al braciere, è quello più caldo.
  • Esci e rientra quando te la senti. Impara ad ascoltare il tuo corpo e non fare l’eroe: quando senti che ne hai abbastanza, esci, fai una pausa, prendi una boccata d’aria fresca, respira, bevi un bicchiere d’acqua, bagnati il collo e i polsi, fai una doccia o il bagno nel lago e quando sei pronto, se ti va, rietra. Dev’essere un piacere non un tormento!
  • Non controllare l’orologio, goditi il löyly (vapore e calore)! Non troverai mai clessidre nelle saune finlandesi, devi regolarti da solo. Ascoltati!
  • Rispetta gli altri. Se non sei solo in sauna, tieni conto dei ritmi degli altri. Non gettare l’acqua sul bracere ogni due secondi perché diventa un tour de force per tutti. Se ti sembra troppo caldo, dillo oppure fai una pausa.
  • Fai attenzione quando scendi dalle panche: sgabello e piedi sudati sono una combinazione mortale (te lo dice una che ha quasi battuto la testa sul bracere ardente…).
  • Sì alla birra in sauna. Compagna fedele della sauna finlandese, se gettata in piccole quantità sul bracere rilascia un buonissimo odore di pane appena sfornato.
  • Frustati, frusta e fatti frustare! I rami di betulla raccolti in estate vengono riuniti in fasci (vasta o vihta) e usati in sauna per percuotere gentilmente ma vigorosamente il corpo riattivando così la circolazione, purificando ed energizzando pelle e membra. La pratica affonda le radici nella cultura animista degli antichi ugrofinni: si credeva che i rami fossero canali d’energia, che avessero proprietà benefiche e il potere d’infondere la vita. Tra i lapponi si tramandava la credenza che colpendo un morto coi rami di betulla questi potesse tornare in vita, mentre tra gli ungheresi era tradizione la vigilia di Natale svegliare i bambini col gentile tocco dei rami di betulla [1].
  • Non rilasciare gas nauseabondi.
  • Non andare in sauna troppo tardi.
  • Lascia tutto come vorresti trovare. Lascia l’ambiente pulito e pronto all’uso per chi entra dopo di te. Riempi il secchio d’acqua e attizza il fuoco aggiungendoci della legna.
  • Ricorda: l’ultimo löyly è per il saunatonttu.  Secondo la credenza popolare, in sauna vive un’elfo (saunatonttu) che si occupa della cura e del buon funzionamento del posto, e pone anche delle restrizioni al suo utilizzo (ad esempio non andare in sauna troppo tardi la sera). Visto che il saunatonttu va in sauna dopo gli abitanti umani della casa, è buon uso fargli trovare la sauna pronta tirando un po’ d’acqua sulle pietre calde prima di andarsene.

[1] cfr. Corradi Musi, Carla, 2008, Sciamanesimo in Eurasia, Aracne, Roma, pp.16-17; 19

Fonti e approfondimenti:

https://sauna.fi/


3 risposte a "Il galateo della sauna finlandese"

  1. L’ottimo vademecum per la sauna finlandese (e estona e russa). Grazie mille! I rami di betulle si raccoglie dopo San Giovanni/al inizio di luglio, quando le foglie sono mature, peró non troppo dure, e hanno un profumo dolce.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...